Circolari: 2012012 – 2012.09.07 – Politiche – Bando AAMS Aggiornamento 3

 

Nell’area riservata del sito Assosnai, sezione Politiche e Comunicazioni,  è stata pubblicata la circolare:

2012012 – 2012.09.07 – Politiche – Bando AAMS Aggiornamento 3 + 3 allegati
 
Si rammenta che dal 1 gennaio le circolari sono disponibili esclusivamente nell’area riservata del sito www.assoagisco.it, accessibile unicamente da parte degli utenti registrati abilitati all’accesso dalla Segreteria

Circolari: 2011912 – 2012.09.04 – Comunicazione – Bando AAMS risposte Assosnai

Nell’area riservata del sito Assosnai, sezione Politiche e Comunicazioni,  è stata pubblicata la circolare:

2011912 – 2012.09.04 – Comunicazione – Bando AAMS risposte Assosnai + 1 allegato
 
Si rammenta che dal 1 gennaio le circolari sono disponibili esclusivamente nell’area riservata del sito www.assoagisco.it, accessibile unicamente da parte degli utenti registrati abilitati all’accesso dalla Segreteria

Circolari: 2011812 – 2012.08.29 – Lavoro – Lavoro intermittente Novità recenti

 

Nell’area riservata del sito Assosnai, sezione Lavoro,  è stata pubblicata la circolare:

2011812 – 2012.08.29 – Lavoro – Lavoro intermittente – Novità recenti.
 
Si rammenta che dal 1 gennaio le circolari sono disponibili esclusivamente nell’area riservata del sito www.assoagisco.it, accessibile unicamente da parte degli utenti registrati abilitati all’accesso dalla Segreteria

COMUNICATO STAMPA: ASSOSNAI: “DECRETO BALDUZZI PRIMA MOSSA EFFICACE DEL GOVERNO NELLA LOTTA ALLA LUDOPATIA E NELLA TUTELA DELLA SALUTE PUBBLICA”

COMUNICATO STAMPA

ASSOSNAI: “DECRETO BALDUZZI PRIMA MOSSA EFFICACE DEL GOVERNO NELLA LOTTA ALLA LUDOPATIA E NELLA TUTELA DELLA SALUTE PUBBLICA”

I dubbi restano sulle misure che verranno utilizzate dal Governo per i controlli sul territorio

Roma, 28 agosto 2012 “Condivido in pieno le preoccupazioni del ministro della Salute Renato Balduzzi sul dilagare della ludopatia nel nostro paese”. Francesco Ginestra, Presidente di Assosnai commenta così le misure annunciate nella bozza di decreto legge che il Ministro dovrebbe presentare venerdì prossimo in Consiglio dei Ministri: previste misure di tutela dei soggetti a rischio ludopatia e il divieto di installare apparecchi da intrattenimento nel raggio di 500 metri da luoghi sensibili. “Come Associazione di settore – afferma Ginestra – denunciamo da tempo il problema causato dall’offerta disordinata ed eccessiva di prodotti di gioco, non solo degli apparecchi da intrattenimento, che promettono di cambiare la vita ai giocatori, oramai presenti in ogni angolo delle nostre città in qualunque tipo di locale pubblico”. Secondo Ginestra senza regolamentazione “risulta pressoché impossibile esercitare un controllo efficace sulla presunta regolarità degli apparecchi di gioco e sul rischio di progressivo incoraggiamento ad abitudini poco sane”. Ecco perché secondo il Presidente di Assosnai l’offerta di gioco va distribuita sul territorio “con raziocinio, disponendole in ambienti dedicati, così da rendere più semplice sia il monitoraggio che l’eventuale intervento su soggetti a rischio ludopatia”. Qualche perplessità desta l’effettiva attuazione dei controlli sul territorio “Sono anni che chiediamo allo Stato la tutela del giocatore, che nei fatti non siamo mai riusciti ad ottenere – spiega Ginestra – e riteniamo che i divieti, a volte, possano ottenere l’effetto contrario, in particolare con i minori, più rispettosi dei metodi di ragionamento che delle limitazioni imposte. Basterebbe assicurare allo scommettitore un ambiente di gioco dedicato e rispettoso delle leggi in vigore nel nostro Paese”.

Circolare: Comunicazione 2011712 – 2012.08.28 – VLT aggiornamento file per raccolta dati

Nell’area riservata del sito Assosnai, sezione Politiche e Comunicazione,  è stata pubblicata la circolare:

2011712 – 2012.08.28 – Comunicazione – VLT – Richiesta dati – aggiornamento file per raccolta dati
 
Si rammenta che dal 1 gennaio le circolari sono disponibili esclusivamente nell’area riservata del sito www.assoagisco.it, accessibile unicamente da parte degli utenti registrati abilitati all’accesso dalla Segreteria

Circolare: 2011612 – 2012.08.27 – Comunicazione – Legge 231 Gestori SNAI

 

Nell’area riservata del sito Assosnai, sezione Politiche e Comunicazione,  è stata pubblicata la circolare:

2011612 – 2012.08.27 – Comunicazione – VLT – Richiesta dati.
 
Si rammenta che dal 1 gennaio le circolari sono disponibili esclusivamente nell’area riservata del sito www.assoagisco.it, accessibile unicamente da parte degli utenti registrati abilitati all’accesso dalla Segreteria

2011512 – 2012.08.27 – Lavoro – Principali novità legge sullo sviluppo

Nell’area riservata del sito Assosnai, sezione Lavoro,  è stata pubblicata la circolare:

2011512 – 2012.08.27 – Comunicazione – Lavoro – Principali novità legge sullo sviluppo

Si rammenta che dal 1 gennaio le circolari sono disponibili esclusivamente nell’area riservata del sito www.assoagisco.it, accessibile unicamente da parte degli utenti registrati abilitati all’accesso dalla Segreteria

Agipronews: Gioco illegale, Ginestra (Assosnai): “Serve inasprimento delle pene, sia per gestori che per gli utenti della rete illegale”

ROMA – “E` da tempo che come associazione denunciamo la presenza di una rete parallela e illegale sul territorio che crea un danno per l`Erario e per i giocatori“. E` quanto dichiara ad Agipronews Francesco Ginestra, Presidente di Assosnai, in merito all`operazione della Guardia di Finanza che ha constatato 417 violazioni in agenzie di scommesse su tutto il territorio nazionale, circa il 20% sul totale dei controlli.

Secondo Ginestra la rete di raccolta parallela e non autorizzata per le scommesse rappresenta uno dei maggiori problemi per il settore, con conseguenze sul piano occupazionale, oltre che sul volume delle giocate, “tanto che alcune agenzie hanno dovuto ricorrere alla cassa integrazione. Ci sono punti ovunque, anche nei piccoli centri. La concorrenza degli illegali è diventata spietata“. Una situazione che, secondo il presidente di Assosnai, si può risolvere solo con il pugno duro della legge: “Ci vuole un inasprimento delle pene, sia per i gestori, sia per chi usufruisce dei centri illegali. Tutela dei giocatori e dell`ordine pubblico e raccolta vietata agli operatori senza concessione sono alcuni dei punti per cui l`associazione si batte da anni. Lo scommettitore deve essere tutelato dallo Stato e giocare in ambienti di sicuri e controllati, altrimenti è a rischio, oltre al suo portafoglio, anche la sua salute“. Ginestra guarda anche al futuro prossimo e muove una critica al nuovo bando di gara per 2000 agenzie di scommesse: “La gara così come è stata impostata, è un autentico salto nel buio per i concessionari, che dovranno affrontare costi di gestione altissimi senza conoscere a fondo la dimensione delle reti di raccolta non autorizzate collegate a operatori esteri. Per questo – prosegue – chiediamo ai Monopoli di Stato di fare chiarezza, fornendoci tutte le informazioni per presentare le offerte, e soprattutto di garantire che al termine della procedura potrà operare solo chi ha una concessione. Ci dicano chiaramente e formalmente – conclude il presidente di Assosnai – che i punti non autorizzati saranno chiusi e che saranno richieste loro le tasse, anche passate, che non sono mai state versate“.SA/Agipro

www.agipronews.it | agipro@agipro.it

Agipronews: Giochi: più di 2 mila controlli della Guardia di Finanza, il 20% irregolare

Giochi: più di 2 mila controlli della Guardia di Finanza, il 20% irregolare

ROMA – Sono 2.088 gli esercizi controllati dalle Fiamme gialle e 417 le violazioni contestate, circa il 20% sul totale dei controlli: sequestrati 233 videopoker illegali e 74 centri di scommesse non autorizzati, 185 persone denunciate. E’ il bilancio dell’ultimo piano straordinario di controllo eseguito dalla Guardia di Finanza su tutto il territorio nazionale nel settore dei giochi e delle scommesse.

In particolare, nell’ultima settimana dei giochi olimpici di Londra e nei giorni scorsi, i finanzieri hanno verificato l’iscrizione degli esercizi nell’apposito elenco, il possesso delle autorizzazioni, l’integrità degli apparecchi da gioco, il loro collegamento alla rete dei Monopoli e l’identità dei giocatori, anche con riferimento alle norme a tutela dei minori.

La collaborazione tra Guardia di Finanza ed Amministrazione dei Monopoli di Stato ha permesso di incrementare l’efficacia dei controlli, anche grazie al potenziamento delle banche dati: il collegamento in rete permette di monitorare il corretto funzionamento di ogni apparecchio e di intervenire, quindi, in caso di anomalie.

I fenomeni illeciti maggiormente diffusi sono risultati l’alterazione e la manomissione degli apparecchi da gioco, l’abusiva raccolta di scommesse sportive mediante agenzie clandestine, anche per conto di allibratori esteri privi di autorizzazione, le lotterie fasulle ed i siti di gioco artificiosamente collocati all’estero per sfuggire ai controlli ed alle imposte.

Negli oltre 7.000 controlli eseguiti da inizio anno sono state riscontrate 2.358 violazioni, con il sequestro di 2.010 apparecchi da gioco e 1.059 punti clandestini di raccolta delle scommesse. Tra questi una bisca clandestina a scoperta a Roma nella sede di un’associazione culturale. A Padova, invece, un’associazione sportiva, che nascondeva una bisca clandestina con videopoker illegali, era stata posizionata a poca distanza da una sala da gioco autorizzata. Il gestore della bisca attraeva i giocatori promettendo puntate illimitate e premi immediati in denaro, tant’è che sono state contestate anche numerose violazioni alle recenti norme antiriciclaggio.

In provincia di Bari, con l’operazione “Fatal bet”, sono stati sequestrati 30 esercizi, tra centri scommesse non autorizzati e punti vendita di gioco on-line che, invece, raccoglievano puntate illegali su conti intestati a “prestanome”. I 64 responsabili sono stati tutti denunciati; le fiamme gialle di Sassari hanno passato al setaccio i centri scommesse della provincia dopo che un reparto territoriale ne aveva individuato uno collegato ad una rete illegale: 29 centri sono stati sequestrati e 30 gestori denunciati.

L’attività della Guardia di Finanza a tutela del gioco legale segue tre specifiche linee d’azione: contrastare l’evasione, considerate le ricadute negative del gioco illegale sul gettito fiscale complessivo; tutelare il mercato, affinchè gli operatori autorizzati non subiscano concorrenza sleale; garantire i consumatori da proposte di gioco non autorizzate dallo Stato. FP/Agipro

Operazione contro giochi illegali, Virgilio (maggiore GdF): “Settimane per quantificare il volume d’affari e il danno erariale”

ROMA – Più di 2 mila controlli per oltre 400 violazioni: è il bilancio dell’operazione della Guardia di Finanza su giochi e scommesse illegali, portato avanti sul tutto il territorio nazionale. “Ma dobbiamo ancora quantificare il volume d’affari complessivo – spiega ad Agipronews il maggiore Cosmo Virgilio – Per il conteggio ci vorranno settimane, vista la portata dell’operazione. All’intervento immediato seguiranno le contestazioni tributarie in relazione alle infrazioni commesse e al giro d’affari; il calcolo verrà effettuato tramite applicativi e software in collaborazione con i Monopoli di Stato”. Probabilmente la gran parte del volume complessivo arriverà dagli apparecchi da intrattenimento: “Sono loro a raccogliere di più nel mercato legale, circa 45 miliardi su 80 e dunque è presumibile che sia così anche nel ’sottobosco’ illegale”. Nel mirino delle Fiamme Gialle sono finite irregolarità di provenienza diversa: “In alcuni casi i centri erano totalmente abusivi, come nel caso dell’associazione culturale. In altri si trattava di punti di commercializzazione – autorizzati solo a vendere ricariche per scommesse online e a diffondere materiale informativo – che accettavano anche scommesse. In altri ancora, soprattutto nel periodo delle Olimpiadi, erano centri che ’deviavano’ il gioco su siti oscurati dai Monopoli di Stato”. Lo spessore dell’operazione, portato avanti da Padova a Bari, passando per Roma, ha una base tecnologica molto precisa: “Facciamo abitualmente controlli con le pattuglie – spiega ancora Virgilio – Abbiamo messo a punto un applicativo, una banca dati per interventi mirati. Per gli apparecchi da intrattenimento, ad esempio, abbiamo accesso tramite i Monopoli a tutte le slot collegate in rete. Possiamo verificare le giocate di ognuna e verificare se c’è uno scostamento tra le giocate di quel singolo apparecchio e la media per quella provincia. Il fatto che su 2 mila controlli circa il 20% sia risultato irregolare non è un caso: sapevamo dove andare e cosa aspettarci”.

LL/Agipro

Circolare: 2011412 – Politiche – VLT Barcrest – Aggiornamento

Nell’area riservata del sito Assosnai, sezione Politiche e Comunicazione,  è stata pubblicata la circolare:

2011412 – 2012.08.13 – politiche – VLT Barcrest – Aggiornamento
 
Si rammenta che dal 1 gennaio le circolari sono disponibili esclusivamente nell’area riservata del sito www.assoagisco.it, accessibile unicamente da parte degli utenti registrati abilitati all’accesso dalla Segreteria