RASSEGNA STAMPA – AGIMEG – Ughi (Snai Servizi): “Discriminazioni o no per la tutela del cittadino il settore delle scommesse non può viaggiare su un doppio binario”

RASSEGNA STAMPA – AGIMEG – Ughi (Snai Servizi): “Discriminazioni o no per la tutela del cittadino il settore delle scommesse non può viaggiare su un doppio binario”

Ughi (Snai Servizi): “Discriminazioni o no per la tutela del cittadino il settore delle scommesse non può viaggiare su un doppio binario”

9 settembre 2014 – 12:42

“Chiedo solo che in Italia ci sia un sistema ben definito per le scommesse sportive. Nella battaglia che sto portando avanti sto chiedendo allo Stato di intervenire affinché non esista il doppio regime pubblico e privato. Le risposte, almeno quelle che attendevo, non sono ancora arrivate”. Maurizio Ughi, amministratore unico di Snai Servizi, commenta così ad Agimeg la nota di John Whittaker, ceo Stanleybet. Con la stessa il bookie di Liverpool aveva accusato Agisco di “attaccare il sistema dei ctd, puntando alla destabilizzazione del sistema concessorio”.

“Le mie idee non cambiano, nonostante questa comunicazione così aggressiva da parte di Stanleybet – spiega Ughi -. Non so cosa succederà nel 2016, se lo Stato riuscirà a risolvere il difficile nodo delle scommesse, a venire incontro alle rivendicazioni di Stanley e a risolvere le loro presunte discriminazioni. Io sto solo spronando lo Stato italiano a prendere un indirizzo ben preciso. Nel 2016, nel caso decidessi di aprire un negozio per le scommesse sportive, vorrei avere bene chiara la situazione. Le recenti azioni di Snai Servizi, gli appelli alla politica, servono soprattutto a mettere in luce una distinzione elementare, ovvero tra le scommesse pubbliche e quelle private. Nel primo caso si parla della vendita di un bene pubblico attraverso una disciplina statale, nel secondo si parla di un atto individuale indipendente da quanto regolamentato in Italia. Nessuno vuole portare avanti una battaglia contro i Ctd, ma per la tutela del cittadino è bene stabilire che non può restare in piedi un doppio regime”.
Per quanto riguarda la nota pubblicata da Whittaker, Ughi affronta una questione nel merito. “Mi viene da pensare solo una cosa – conclude Ughi – ma considerando anche la presunta discriminazione, questo mi autorizza davvero ad aprire tutti i punti che voglio?”. cz/AGIMEG

 

RASSEGNA STAMPA – AGIPRONEWS – Scommesse senza concessione, Ughi (Snai Servizi): “Stanleybet al Tar: solo una mossa pubblicitaria”

RASSEGNA STAMPA – AGIPRONEWS – Scommesse senza concessione, Ughi (Snai Servizi): “Stanleybet al Tar: solo una mossa pubblicitaria”

09/09/2014 Ore 16:00

Scommesse senza concessione, Ughi (Snai Servizi): “Stanleybet al Tar: solo una mossa pubblicitaria“

ROMA – La decisione di Stanleybet di sostenere l`azione legale di Snai Servizi al Tar Lazio "è solo un altro argomento farsi pubblicità e riportare in ballo il fatto che esiste". Questo il pensiero di Maurizio Ughi, amministratore di Snai Servizi, in merito alla lettera inviata da John Whittaker, Ceo di Stanleybet. "Il problema di Stanleybet ora è rappresentato più dagli altri `dirimpettai` (gli altri operatori non autorizzati che hanno una rete di centri sul territorio italiano, ndr) che non dai concessionari di Stato. Si preoccupano della concorrenza degli altri Ctd. Quello che combatto io lo dovrebbero combattere anche loro visto che il tono della lettera mi sembra molto preoccupato".

"Io, a differenza dei proprietari di Stanleybet, mi comporto in maniera diversa – ha spiegato Ughi ad Agipronews – me la prendo con lo Stato italiano che ritengo inadempiente nei confronti dei concessionari italiani, perché prima rilascia concessioni con regime di esclusiva e poi di fatto il regime non esiste. Sto semplicemente rivendicando che non può esistere un doppio regime". "Negli ultimi tempi abbiamo deciso di alzare i toni, scrivendo anche al Presidente Renzi – ha precisato Ughi – perché nel 2016 ci sarà una nuova gara, dunque l`azzeramento della rete e la sua ricostruzione dal punto di vista amministrativo: per questo lo Stato deve fare chiarezza. C`è una legge e non tutti la rispettano, per questo io chiedo chiarezza che è quello che serve a un`impresa e lotterò fin quando lo Stato italiano non si sveglierà da questo torpore e da questa indifferenza".

FP/Agipro 

www.agipronews.it | agipro@agipro.it

RASSEGNA STAMPA – MILANO FINANZA : INTERVISTA MAURIZIO UGHI

RASSEGNA STAMPA – MILANO FINANZA : INTERVISTA MAURIZIO UGHI

CHI VI HA AUTORIZZATO A TENER BANCO?

di Maria Elena Zanini

Articolo in PDF qui Milano Finanza 30 agosto

Immagini di comprare una borsa Prada da un ambulante per strada. Lei sa che la borsa è contraffatta e soprattutto sa che sta facendo qualcosa di illegale. Per le scommesse purtroppo non è così: chi entra in un centro di scommesse non autorizzato, non se ne accorge e non sa di non essere per nulla tutelato dalle norme statali”. 

A dirlo è Maurizio Ughi, ex patron di Snai attualmente vicepresidente di Agisco, l'associazione che rappresenta una trentina di agenzie per un totale di circa 3 mila negozi di scommesse autorizzati in Italia. Sì perché negli ultimi anni il numero di punti vendita al di fuori di legge e regole è aumentato notevolmente. Una rilevazione fatta da alcuni concessionari ha messo in evidenza come negli ultimi due anni il numero dei punti scommesse senza autorizzazione in Italia sia passato da 3.865 a 4.904, con un incremento del 21% dell'offerta irregolare e con un mancato guadagno per le casse dello Stato di circa 530 milioni di euro. Secondo le stime di Confindustria Sistema Gioco Italia elaborate da Agipronews in alcune regioni, il rapporto tra centri non autorizzati punti legali ha addirittura superato la parità. Per esempio in Puglia, nel giro di due anni, il numero dei centri non autorizzati è quasi raddoppiato (da 561 a 1.098), mentre in Lombardia si è passati dai 72 punti irregolari del 2012 ai 121 di quest'anno. L'Umbria ha visto un aumento dell'83 % dell'offerta di scommesse non autorizzate: i sei centri censiti nel 2012 sono diventati nel frattempo 11.

"Il punto è che questi centri non rispondono alle regole dello Stato, il che significa che fanno le proprie regole e che potenzialmente potrebbero cambiarle da un giorno all'altro”. Il gioco in Italia è regolamentato dal Monopolio quindi tutte le giocate vanno a finire in un cervellone informatico centrale, gestito da Sogei, che le monitora. Gli altri, secondo Ughi, non danno le stesse garanzie. “Possono essere operatori internazionali che vantano diritti ad operare in Italia senza concessione, grazie a sentenze ottenute in ambito comunitario; oppure operatori italiani che operano in Italia, ma che hanno creato società a Malta o in Austria e che sostengono di poter operare sul suolo italiano, rifacendosi alle regole dei Paesi d'origine”.

Tutto ciò concorre alla creazione di una vera e propria rete parallela di gestione delle scommesse e dei giochi, con un danno diretto allo Stato sia per il mancato pagamento delle imposte sia per il mancato pagamento degli oneri concessori. “Lascia perplessi che lo Stato non faccia nulla, nonostante lui per primo subisca un danno. Sembra quasi che ci sia una sorta di acquiescenza e di passiva accettazione”. Una situazione che per l'erario significa una diminuzione degli introiti del settore e per gli operatori legali rappresenta una diretta concorrenza sleale, che aggiunge un elemento di rigidità nella gestione aziendale per i costi di funzionamento. “Senza contare la scarsa tutela per il consumatore”, aggiunge Ughi. Ecco perché Snai Servizi ha deciso di coinvolgere direttamente Matteo Renzi, perché il presidente del consiglio intervenga sulla questione. “Ora aspettiamo una sua risposta”.

RASSEGNA STAMPA – AGIPRONEWS: Giochi, Monopoli: nel 2014 piano da 1,2 milioni di controlli contro gioco minorile e CTD

RASSEGNA STAMPA – AGIPRONEWS: Giochi, Monopoli: nel 2014 piano da 1,2 milioni di controlli contro gioco minorile e CTD

18/08/2014 Ore 11:02

Giochi, Monopoli: nel 2014 piano da 1,2 milioni di controlli contro gioco minorile e CTD

ROMA – Un milione e duecentomila controlli, con un potenziamento dell`attività di intelligence e un ampio ricorso all`informatica, con l`obiettivo di aumentare il livello di vigilanza e di presidio anche nel settore dei giochi: è quanto prevede il piano d`azione 2014 dell`Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, allegato alla convenzione siglata a fine luglio con il Dipartimento delle Finanze. Secondo quanto riporta Il Sole 24 Ore, si partirà con il tutoraggio per i grandi concessionari: l`obiettivo è arrivare a un 10% quest`anno, salire al 30% nel 2015 ed essere in grado nel 2016 di accompagnare e assistere nei loro obblighi fiscali e concessori almeno il 50% dei concessionari. In primo piano ci saranno poi i 12 mila controlli previsti dal decreto Balduzzi contro il gioco minorile, nonché i 9 mila controlli che dovranno verificare il corretto funzionamento delle slot cui si dovranno aggiungere le verifiche di almeno il 20% delle autocertificazioni richieste per l`iscrizione nel registro degli operatori di gioco degli apparecchi da divertimento e da intrattenimento. A questi si devono sommare almeno 4mila controlli sugli esercizi che effettuano la raccolta delle scommesse. Nel mirino potrebbero finire soprattutto i centri trasmissione dati (Ctd) non autorizzati alla raccolta delle puntate, alla riscossione delle poste di gioco e alla liquidazione delle vincite. Fenomeno finito al centro anche di una campagna di stampa lanciata dal presidente di «Snai servizi», Maurizio Ughi, che dopo aver scritto una lettera al premier Matteo Renzi, ha inviato una nuova missiva anche alla moglie di Renzi, per sottolineare come gli operatori autorizzati vivono tra regole incerte e concorrenza sleale di una rete parallela che «non è obbligata a rispettare le regole» e «provoca un mancato introito fiscale stimato in 500 milioni di euro». E che il settore sia all`attenzione dell`amministrazione lo dimostra anche il piano del Governo sulla lotta all`evasione dove ben tré dei 19 profili a rischio illeciti (evasione dell`imposta unica, evasione del Preu e operazioni di gioco con soggetti privi di concessione) sono riconducibili all`area del gioco. RED/Agipro

www.agipronews.it | agipro@agipro.it

RASSEGNA STAMPA: AGIPRONEWS: Scommesse, Sandi (Ad Snai Spa): “Non condividiamo modalità di espressione di Snai Servizi“

RASSEGNA STAMPA: AGIPRONEWS: Scommesse, Sandi (Ad Snai Spa): “Non condividiamo modalità di espressione di Snai Servizi“

06/08/2014 Ore 18:49

Scommesse, Sandi (Ad Snai Spa): “Non condividiamo modalità di espressione di Snai Servizi“

ROMA – “Solo una precisazione. Si possono condividere obiettivi `generali` ma nello specifico non condividiamo il modo, la forma. O si è d`accordo con Maurizio Ughi o si è `nemici del popolo`? Ognuno faccia il suo lavoro, noi facciamo il nostro, la storia saprà valutare chi fa seriamente gli interessi pubblici e della rete legale e chi preferisce invece farsi pubblicità sui giornali“. Così Giorgio Sandi, Presidente e Amministratore Delegato di Snai Spa, replica nuovamente a Maurizio Ughi, amministratore di Snai Servizi, che aveva commentato con stupore il dissociarsi di Snai Spa dalle iniziative di Snai Servizi.

RED/Agipro

www.agipronews.it | agipro@agipro.it

RASSEGNA STAMPA – AGIPRONEWS: Scommesse non autorizzate, Ughi (Ad Snai Servizi): “Stupore per la reazione di Snai spa`

RASSEGNA STAMPA – AGIPRONEWS: Scommesse non autorizzate, Ughi (Ad Snai Servizi): “Stupore per la reazione di Snai spa`

06/08/2014 Ore 16:23

Scommesse non autorizzate, Ughi (Ad Snai Servizi): “Stupore per la reazione di Snai spa“

ROMA – Stupore e dispiacere nel leggere le parole di Snai Spa che ha specificato, attraverso un comunicato, che “la lettera al Presidente del Consiglio e l`appello alla moglie del premier da parte di Snai Servizi per richiamare l`attenzione sulla situazione degli operatori autorizzati alla raccolta scommesse, non sono riconducibili in alcun modo a Snai Spa“. E` la reazione di Maurizio Ughi, amministratore di Snai Servizi, alla nota diffusa questa mattina da Snai Spa che si dissocia dalle iniziative di Snai Servizi.

Snai Servizi, sottolinea Ughi, ha sostenuto che: “lo Stato detiene il monopolio dei giochi, la Rete è autorizzata dallo Stato, esiste una rete parallela priva di autorizzazione in Italia, questa rete provoca un mancato introito fiscale stimato in 500 milioni, non ha obblighi di rispettare i regolamenti dello Stato Italiano e conta più negozi di quella autorizzata dallo Stato. Ci chiediamo se è questa la posizione “`non condivisa` da Snai Spa“. La rete parallela “ben nota“, come sottolineato da Snai Spa, inoltre, mette solo ulteriormente in evidenza che, negli ultimi anni, “non sono stati assunti provvedimenti risolutivi“ e per questo, conclude Ughi, “Snai Servizi ha ritenuto opportuno e utile investire pubblicamente del problema il Presidente del Consiglio Renzi“. FP/Agipro
www.agipronews.it | agipro@agipro.it

RASSEGNA STAMPA – AGIPRONEWS: Scommesse, Snai Spa: «Appelli a Renzi non riconducibili alla nostra società»

06/08/2014 Ore 11:13

Scommesse, Snai Spa: «Appelli a Renzi non riconducibili alla nostra società»

ROMA – La lettera al Presidente del Consiglio e l`appello alla moglie del premier da parte di Snai Servizi per richiamare l`attenzione sulla situazione degli operatori autorizzati alla raccolta scommesse, non sono riconducibili in alcun modo a Snai Spa. E` quanto precisa la società in una nota: «In questi ultimi giorni sono state pubblicate a pagamento su alcuni quotidiani nazionali inserzioni pubblicitarie indirizzate al Premier – si legge nella comunicazione – in merito alla peraltro ben nota esistenza sul territorio nazionale di una rete parallela di raccolta scommesse, a firma di una societa; che utilizza il nome Snai nella propria denominazione sociale». Snai Spa sottolinea però che «il firmatario è; un soggetto terzo non riconducibile in alcun modo, né direttamente né indirettamente a Snai Spa o ad altre società del Gruppo Snai e la posizione espressa non coincide con quella di Snai Spa; il concessionario autorizzato dallo Stato Italiano alla raccolta di giochi e scommesse in rete fisica sul territorio e con modalità a distanza è Snai Spa, società iscritta nel Registro delle Imprese presso la Camera di Commercio, Industria ed Artigianato di Lucca al n. 00754850154, Repertorio Economico Amministrativo n. 166476, sede legale in Porcari (Lucca) Via Boccherini n.39 e quotata alla Borsa Valori di Milano; Snai Spa svolge da anni azioni di contrasto concreto in stretta collaborazione con le Autorita e l`ADM alla “rete parallela“ di accettazione dei giochi e delle scommesse sostenendo un rilevante impegno economico ed organizzativo a tutela della legalità e dei consumatori ed assumerà tutte le iniziative a tutela del proprio marchio e della propria immagine». RED/Agipro

www.agipronews.it | agipro@agipro.it

RASSEGNA STAMPA – AGIPRONEWS: Scommesse, Ughi (Snai Servizi) scrive ad Agnese Renzi: “Necessario che il Presidente sia a conoscenza del nostro appello“

05/08/2014 Ore 10:16

Scommesse, Ughi (Snai Servizi) scrive ad Agnese Renzi: “Necessario che il Presidente sia a conoscenza del nostro appello“

ROMA – Dieci giorni fa la lettera al Presidente del Consiglio, Matteo Renzi. Oggi un nuovo appello, questa volta alla moglie del premier, Agnese. Maurizio Ughi, di Snai Servizi, ha inviato una lettera aperta, pubblicata oggi sui principali quotidiani italiani, alla signora Agnese perché convinto che “il Presidente non sia riuscito ancora a leggere il nostro appello“ e per questo ha una richiesta precisa per la moglie del Presidente del Consiglio. “Domani mattina a colazione davanti alle Vostre tazzine di caffè, per cortesia, metta in vista il nostro appello al Presidente“, scrive Ughi. Lo scorso 23 luglio la prima lettera pubblicata sui quotidiani italiani per richiamare l`attenzione di tutti sull`attuale situazione degli operatori autorizzati, che vivono tra regole incerte e concorrenza sleale di una rete parallela che “non è obbligata a rispettare le regole“ e “provoca un mancato introito fiscale stimato in 500 milioni di euro“. Una situazione che va denunciata e combattuta: per questo Snai Servizi ha deciso di ribadirlo con questo nuovo appello e ha lanciato, nelle scorse settimane, anche un sito internet,www.snaiservizi.it, dove è possibile segnalare la presenza sul territorio di centri scommesse non autorizzati. RED/Agipro

www.agipronews.it |agipro@agipro.it

RASSEGNA STAMPA – LA REPUBBLICA: Colpo all’impero delle scommesse online – indagati i vertici di Stanleybet

Articolo pubblicato oggi su La Repubblica a pagina 20.
In chiusura dell'articolo dichiarazione di Maurizio Ughi, Amministratore di SNAI SERVIZI.

Colpo all’impero delle scommesse online
Roma, indagati i vertici di Stanleybet: “Attività illegale: non hanno concessione dei Monopoli, evadono il Fisco” Ma sono decine le maxi-agenzie straniere (con oltre 5 mila punti vendita) nel mirino delle procure italiane

FABIO TONACCI FRANCESCO VIVIANO
ROMA .
C’è un’indagine a Roma che fa tremare la rete “parallela” dei bookmaker stranieri. Giovanni Garrisi, il 66enne proprietario del colosso privato Stanley-Bet, è indagato con altri undici manager della società per associazione per delinquere. L’accusa è di «esercitare (in Italia) l’attività illegale di giochi e scommesse, in assenza di qualsiasi titolo concessorio e in totale evasione di imposta», avvalendosi di una «stabile organizzazione occulta di persone e mezzi», articolata sul territorio con gli ormai famosi Ctd, i Centri di trasmissione dati che raccolgono le puntate e le piazzano online.
A fine giugno la Guardia di Finanza è andata a sequestrare quintali di carte e materiale informatico in alcune sedi della StanleyBet, tra cui Milano, Montecatini, Potenza, Giugliano, Roma. La casa “madre”, la Stanley International Betting Limited che fa capo a Garrisi, ha sede a Liverpool, ma conta duemila agenzie scommesse sparse per l’Europa e almeno un centinaio in Italia. Il punto è proprio questo. «I Ctd — scrivono nel decreto di sequestro i due pm che seguono l’inchiesta, Margherita Pinto e Valentina Margio — sono formalmente dipendenti da un’altra società, la StanleyBet Malta Limited », con sede appunto a Malta. Qui c’è un signore, Vondy James Edward, che ne è il legale rappresentante, ma, al tempo stesso, è uomo «riconducibile con un rapporto di dipendenza funzionale al gruppo di Garrisi». Il meccanismo messo in piedi da Stanleybet per evadere le tasse italiane sul gioco — sostiene la procura — si baserebbe dunque su questa doppia “paternità” dei Ctd.
Che il procedimento in corso sia di una certa importanza, lo si capisce perché nelle stesse condizioni di StanleyBet ci sono decine di operatori stranieri che negli anni hanno aperto punti di raccolta scommesse pur senza avere la concessione dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Secondo un’elaborazione di Agipronews su dati di Confindustria, in Italia la rete “parallela” ha raggiunto quota 4.904 punti vendita, contro i 7.389 di quelli autorizzati. Ci sono regioni, come la Calabria, dove i primi (380) hanno superato i secondi (286). Addirittura in Sardegna il rapporto è di 3 a 1, 183 agenzie senza concessione dei Monopoli contro 60.
La materia è scivolosa, divide i da anni i maggiori giuristi d’Europa e, va detto, una qualche ragione i bookmaker esteri sembrano averla. Dalla loro parte hanno infatti ben tre sentenze della Corte di Giustizia Europea, l’ultima denominata “Costa-Cifone” del 2012, secondo la disciplina italiana in materia di scommesse, basata sulle concessioni, è “incompatibile” con il principio della libera circolazione e prestazione di servizi da parte di cittadini comunitari. Sentenze alla mano, i legali di StanleyBet hanno messo in atto una strategia di difesa “aggressiva”: contrasto ai Monopoli, querele ai giornali e pure ai finanzieri che, eseguendo gli ordini delle procure, vanno a prelevare documenti o a chiudere i punti vendita (quasi sempre riaperti dal Tar dopo pochi giorni).
Per dire quanto sia fumosa la questione, due settimane fa il Gip di Lecce ha disposto il rinvio a giudizio per 27 persone, compresi Paolo Tavarelli e Ivana Ivanovich, amministratori di Goldbet Sportwetten, altro bookmaker straniero con sede a Innsbruck. L’accusa? La solita: «Esercizio abusivo dell’attività di scommesse raccolte in via telematica sul territorio». Eppure uno stralcio di questa stessa inchiesta, trasmesso a Palermo, era stato archiviato nel 2012 proprio in seguito alla “Costa Cifone”.
La conseguenza di questa storia, al momento, la paga l’Erario: negli ultimi due anni non ha incassato 530 milioni di euro di imposta della rete “parallela”. C’è chi, come Maurizio Ughi, ad di Snai Servizi, ha lanciato un appello al premier Renzi comprando delle pagine su alcuni quotidiani. «Non voglio entrare nel merito su chi ha ragione o meno, ma chiedo chiarezza una volta per tutte: o lo Stato italiano ammette di non essere in grado di controllare il territorio e dunque decide di liberalizzare il mercato, oppure tutti devono rispettare le leggi italiane, sia quelle del Fisco, sia quelle che impongono distanze minime delle agenzie da luoghi sensibili tipo scuole e chiese. Cosa che i Ctd non fanno».

20140726-100401-36241522.jpg


1 2