NOTA ADM PROROGA CONCESSIONI SCOMMESSE

NOTA ADM PROROGA CONCESSIONI SCOMMESSE

Buonasera,

Si allega alla presente la nota, pubblicata da ADM nell'area riservata del proprio sito , riferita alla proroga delle concessioni in essere e alla richiesta di nuove garanzie.

La nota sarà esaminata  dall'associazione, seguirà nota di approfondimento.

Cordiali saluti.

Segreteria Agisco 

Il documento é reperibile cliccando QUI

Rassegna stampa – Agipronews – Scommesse, Concessioni in scadenza: senza riordino operatori dovranno estendere fideiussioni e garantire partecipazione alla gara

Rassegna stampa – Agipronews – Scommesse, Concessioni in scadenza: senza riordino operatori dovranno estendere fideiussioni e garantire partecipazione alla gara

Scommesse, Concessioni in scadenza: senza riordino operatori dovranno estendere fideiussioni e garantire partecipazione alla gara
ROMA – Il riordino dei giochi non è arrivato entro il 30 aprile – il termine fissato dalla legge di Stabilità 2016 – e le concessioni per le scommesse ippiche e sportive sono ormai prossime alla scadenza, fissata al 30 giugno. Per evitare lo “stop” della raccolta tra qualche settimana, l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli chiederà nei prossimi giorni agli operatori di estendere – per ulteriori sei o dodici mesi – le garanzie per versamenti delle imposte e vincite dei giocatori, oltre ad un impegno formale a partecipare alla gara per 15mila punti che sarà bandita dopo l’accordo Stato-regioni. Il “Libro blu” dei Monopoli di Stato quantifica la rete di vendita del betting in 4609 corner sportivi, 1326 negozi sportivi, 226 corner ippici e 3461 agenzie ippiche (quasi sempre negli stessi locali dei negozi sportivi, ndr). Secondo quanto apprende Agipronews da fonti del settore, analogo impegno (fideiussione più partecipazione al bando) sarà chiesto ai bookmaker esteri che hanno usufruito della sanatoria fiscale nel 2015, a cui fanno capo circa 2200 punti vendita. I tre operatori principali – Planetwin365, Goldbet e Betaland – dovranno però nel frattempo allacciare le proprie agenzie al totalizzatore Sogei. Attualmente, i gestori stanno ancora trasmettendo le giocate ad Aams in modalità “offline” e, proprio per questo motivo, l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha già irrogato multe per 100 mila euro per il mese di marzo: le sanzioni, secondo quanto si apprende, continueranno anche per i mesi successivi di mancato collegamento. Il 30 giugno sarà per i centri sanati, in ogni caso, la “deadline” definitiva: in quei giorni gli uffici tecnici di Aams svolgeranno una ricognizione sulla rete e, in caso di risposta negativa da Sogei, avvieranno i relativi procedimenti di decadenza dal decreto disciplinare che regola l’attività dei centri esteri sanati, sospendendone di fatto l’attività. NT/Agipro 

www.AGIPROnews.it | agipro@agipro.it

SLITTAMENTO GARA SCOMMESSE – DICHIARAZIONI GARRISI (STANLEYBET) E UGHI (OBIETTIVO 2016)

SLITTAMENTO GARA SCOMMESSE – DICHIARAZIONI GARRISI (STANLEYBET) E UGHI (OBIETTIVO 2016)

Scommesse, Garrisi (Stanleybet) ad Agimeg: “Favorevoli al rinvio della gara che sarà l’ultima occasione per lo Stato di eliminare il doppio binario di raccolta. Se la gara sarà però fatta male la rete parallela annullerà definitivamente l’attuale rete concessoria”

Ovviamente non potevano passare inosservate le dichiarazioni del sottosegretario alle Finanze Pier Paolo Baretta che ha annunciato un possibile rinvio, dovuto a motivi tecnici, della prossima gara per il rinnovo delle concessioni di scommesse in scadenza a fine giugno. “Siamo favorevoli ad un rinvio della gara se questo servirà a preparare meglio la stessa – ha dichiarato ad Agimeg Giovanni Garrisi, membro del board di Stanleybet – perché è fondamentale che il bando sia inattaccabile sotto ogni punto di vista, soprattutto quello discriminatorio. Questa gara è l’ultima occasione che ha lo Stato per cercare di risolvere una volta per tutto il problema della rete parallela. Se ci saranno le giuste condizioni Stanley parteciperà e di fatto la rete “diversamente legale” cesserà di esistere. In caso contrario sono certo che l’attuale rete concessoria scomparirà perché sarà soppiantata dalla rete parallela”. es/AGIMEG

Scommesse, Ughi (Obiettivo 2016): "Lo slittamento della gara è un problema politico non tecnico. Questa situazione potrebbe portare a pericolose rivendicazioni da parte degli operatori transfrontalieri"

"Il sottosegretario Baretta parla di slittamento tecnico, ma io lo definirei politico. Sogei funziona e le scommesse vengono trasmesse in maniera corretta, quello che manca è un accordo politico". Così Maurizio Ughi, amministratore Unico di Obiettivo 2016, in merito allo slittamento delle gare per il rinnovo di 15 mila concessioni per le scommesse sportive e quelle per 210 sale bingo, annunciato dal sottosegretario all'Economia con delega ai giochi Pier Paolo Baretta. "Se si è arrivati a questa situazione è perché i vari organi dello Stato non si sono parlati. In pratica è il Governo che non rispetta le leggi, in tema di gioco, come sta succedendo con la Legge di Stabilità che aveva previsto dei termini per l'attuazione di certe disposizioni e che invece sono state già disattesi. Come al solito ci si rende conto del settore dei giochi solo all'ultimo momento e rincorrendo si commettono errori. Se ci fossero state regole certe come previsto dal decreto Balduzzi ora non ci troveremmo di fronte a questo scontro normativo che coinvolge Stato ed enti locali. Obiettivo 2016 ha denunciato il problema pubblicamente da tempo". Il ritardo sarà causa di problemi per le aziende del settore dei giochi? "Il problema sta anche nel fatto che non si specifica bene di quanto potrebbe essere questo ritardo. La mia paura, inoltre, è che qualche transfrontaliero possa sfruttare la situazione come pretesto per rivendicare ancora una discriminazione. Speravo di evitare tutto ciò. Comunque utilizzeremo tutti i mezzi, che ci consente la legge, per denunciare e perseguire legalmente chi sta permettendo ed attuando ". La Prima Sezione Penale della Corte di cassazione, con la sentenza del 2 maggio 2016 scorso, ha stabilito che “Assimilare ludopatia a tossicodipendenza, per il beneficio della continuazione del reato, non ha fondamento”. Cosa ne pensa? "Ecco un problema tecnico e non politico. Le nostre convinzioni sulla fatto che è stata creata solo confusione sul tema della ludopatia sono state confermate anche da un organo di primo rilievo. E' stata annunciata la malattia ma non il malato. Chi è il ludopate? Lo stato non ha stabilito nulla in merito". lp/AGIMEG

Scommesse, Ughi: “Slittamento tecnico del bando rischia di portare a nuova rete parallela”

ROMA – “Lo slittamento tecnico del bando di gara per le scommesse rischia di portare di nuovo a una rete parallela, dove chiunque potrebbe aprire punti vendita solo perché lo Stato non ha trovato l’accordo con se stesso”. A parlare è Maurizio Ughi, amministratore unico di Obiettivo 2016. “Non sono assolutamente d’accordo con il ritardo, anche se razionalmente sono consapevole che ci sarà – continua Ughi ad Agipronews – il problema che si pone non è tecnico, ma politico e poteva essere risolto, ma finora il Governo ha trovato giustificazioni e non soluzioni. La legge di stabilità ha fissato una data precisa per il bando, dovrebbe essere logico rispettarla. Da questo punto di vista è proprio il Governo ad andare contro la legge”. Sulle misure da adottare per prevenire il gioco patologico e proteggere le fasce più sensibili della popolazione, Ughi appoggia la posizione di Alessandro Aronica, vicedirettore dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli: “Le norme sulle distanze minime dai punti sensibili non tutelano ciò che dovrebbero tutelare – spiega – Sono misure prive di senso ed è importante che anche un rappresentate dell’Amministrazione lo abbia detto. Il punto è che i Monopoli fanno solo da consulenti al Governo, a cui poi spetta emanare i provvedimenti in accordo con le Regioni. Se questi non arrivano il problema è loro”. LL/Agipro

Scommesse, Garrisi (Board Stanleybet): "Slittamento tecnico gare utile per trovare accordo con enti locali"

ROMA – Positivo lo slittamento tecnico del bando di gara sulle scommesse. È quanto ritiene Giovanni Garrisi membro del board Stanleybet. "Avevo già auspicato il rinvio di un anno, in modo da dare il tempo a Stato ed enti locali di trovare un accordo", ha spiegato Garrisi a margine di un convegno a Roma. "Stanley, ovviamente, non si opporrà, auspichiamo una situazione normativa chiara prima della partenza del bando", ha concluso. LL/Agipro  

 

 

 


1 2