RASSEGNA STAMPA – AGIPRONEWS – Scommesse ippiche: minimi garantiti e lodi arbitrali, sì del Mipaaf alla transazione con i concessionari

15/09/2014 Ore 12:49

Scommesse ippiche: minimi garantiti e lodi arbitrali, sì del Mipaaf alla transazione con i concessionari

ROMA – La partita infinita che vede di fronte concessionari di scommesse ippiche e ministeri competenti potrebbe essere vicina ad una soluzione. In una riunione istituzionale che si è svolta venerdì, a cui hanno partecipato anche rappresentanti del ministero dell`Economia e della Ragioneria generale dello Stato, il ministero delle Politiche Agricole ha dato il suo benestare all`ipotesi di una transazione in grado di chiudere il lunghissimo contenzioso – avviato nel 2000 – tra operatori e amministrazione, in particolare su minimi garantiti e applicazione dei lodi arbitrali ippici.

Lo apprende Agipronews da fonti istituzionali, che confermano come ormai sia stata imboccata la strada giusta per arrivare – nel giro di qualche settimana – alla compensazione delle somme (nell`ordine di alcune decine di milioni di euro tra crediti e debiti) che si sono accumulate negli ultimi 14 anni. L`accelerazione si spiega soprattutto con la scadenza della delega fiscale: prima del varo di nuove norme per il rilancio dell`ippica e in vista delle gare del 2016, è ormai considerato necessario da Mef e Mipaaf trovare un punto di equilibrio tra la partita dei minimi garantiti – cioè le somme indicate in gara dai concessionari per ottenere le licenze e oggetto negli anni di interventi normativi, rinvii, spalmature e contenziosi di ogni genere – e l`applicazione dei lodi arbitrali vinti dagli operatori, avviati dopo che, oltre dieci anni fa, i concessionari constatarono che l`amministrazione era inadempiente su alcuni punti previsti dalle convenzioni: i controlli contro il gioco clandestino, l`attivazione di canali di gioco come le scommesse telefoniche e telematiche, il lancio di multiple a riferimento e scommesse a quota fissa.

I lodi Di Majo e Scotti – peraltro ancora in attesa di un esito definitivo – hanno riconosciuto le ragioni dei concessionari, in buona parte rappresentati dall`associazione Agisco, che è stata la prima ad attivarsi per trovare una soluzione condivisa ed è ora è in pole position per far valere le ragioni dei propri associati nel caso in cui si arrivi ad una transazione tra debiti e crediti. Ora, dopo un lungo stallo, la macchina è ripartita e, secondo quanto si apprende, si vuole fare in fretta: il piano di lavoro prevede al primo punto un`istruttoria approfondita – anche attraverso i dati Sogei -per ricostruire la situazione contabile di ciascun concessionario, resa complicata dal fatto che nel corso degli anni sono stati cambiati più volte i codici concessione delle singole agenzie. In un secondo momento, si procederà con una proposta di accordo ai diversi gruppi di concessionari che hanno partecipato ai tanti lodi contro l`amministrazione (Di Maio e Scotti sono solo i più noti ma si contano decine di iniziative legali dello stesso genere), ciascuno dei quali si è concluso con la decisione dei collegi arbitrali di riconoscere agli operatori la compensazione di una parte variabile (tra l`8 e il 18 per cento) delle quote di prelievo da versare all`amministrazione. 

Al termine dei calcoli, che dovranno confermare chi tra ministeri e concessionari vanti un credito nei confronti della controparte, occorrerà passare alla fase delle liquidazione delle somme, per la quale si potrebbe utilizzare il decreto del governo Renzi sui debiti della Pubblica Amministrazione. Nel caso in cui la transazione abbia un esito favorevole a Mef e Mipaf, invece, si ipotizza la spalmatura nei prossimi anni di concessione delle somme dovute dagli  operatori. NT/Agipro

www.agipronews.it | agipro@agipro.it

 

AGIPRONEWS: Ippica, Ginestra (Assosnai): “Corte d`Appello: confermato danno per agenzie, proseguiremo la battaglia legale“

ROMA – Assosnai proseguirà la battaglia legale per ottenere i danni e per chiedere “il rimborso di tutti i costi sostenuti per aderire al regime concessorio“. E` quanto conferma Francesco Ginestra, presidente dell`associazione, commentando la sentenza della Corte d`appello di Roma, che ha annullato cosiddetto lodo “di Majo“.

La Corte di Appello ha deciso l`annullamento “non per vizi di forma o per contrasto alle decisioni prese dal Collegio Arbitrale, ma unicamente perché secondo i Giudici d`appello la richiesta andava presentata al TAR e non ad un Collegio Arbitrale“.

Le conclusioni dei giudici dell`arbitrato non sono state smentite, dunque “restano valide e non contestate le ragioni delle Agenzie – aggiunge Ginestra – così come le somme risarcitorie riconosciute dal Lodo stesso, che si riferiscono a  situazioni di fatto che la Corte d`Appello non ha posto in discussione“.

La decsione della Corte d`Appello, conclude Ginestra, “non ha smentito – né in fatto né in diritto – le ragioni alla base del risarcimento accordato alle Agenzie e pertanto proseguiremo la nostra lotta per ottenere per via amministrativa i danni accordati dagli arbitri del lodo “di Majo“, coinvolgendo tutti i concessionari, anche quelli che non avevano partecipato al Lodo“.

PG/Agipro

www.agipronews.it | agipro@agipro.it

AGIPRONEWS: Scommesse ippiche, Corte d`Appello di Roma: lodo 2003 su rimborso per agenzie nullo, serve intervento del Tar

ROMA – Saranno i giudici amministrativi a dover decidere sulle richieste di rimborso avanzate da 171 agenzie ippiche, che chiedono ai Ministeri delle Finanze e dell`Agricoltura un risarcimento da un centinaio di milioni di euro.

E` quanto ha stabilito la Corte di Appello di Roma, che annullato il cosiddetto “Lodo di Majo“ e ha rinviato la questione all`esame del Tar.

Per le agenzie resta comunque in piedi la possibilità di impugnare la decisione in Cassazione.

La vicenda risale al 2003, quando alle agenzie – che si erano impegnate a versare delle somme minime per ottenere le concessioni – fu riconosciuto il `danno` derivante dalle mancate misure di salvaguardia per la rete: gli incassi previsti non si realizzarono, anche per la concorrenza non autorizzata che iniziava a proliferare, per questo le agenzie furono di fatto impossibilitate a pagare le somme che si erano impegnate a versare, i cosiddetti minimi garantiti appunto. Il Lodo riconobbe responsabili i Ministeri e autorizzò le agenzie a compensare i crediti vantati con i minimi garantiti.

Secondo la Corte d`Appello collegio arbitrale che ha stilato il lodo ha considerato alterato l`equilibrio del mercato, con i concessionari ippici che hanno avuto dei danni dalla presenza di operatori non autorizzati e dall`espansione dei punti gioco, modificando dunque “l`effettiva portata“ dell`esclusività delle concessioni, ma ha di fatto giudicato su una materia – il rapporto tra concessionari e Amministrazione – che la Corte di Cassazione ha ritenuto di competenza del giudice amministrativo.

Tar e Consiglio di Stato sono gli unici tribunali che possono decidere nelle controversie sulle concessioni, quando queste non riguardano aspetti “di natura prettamente economica“. In questo caso, visto che all`Amministrazione si contesta di non aver adeguatamente valutato “la presenza di reti clandestine incidenti sul ricavato medio delle scommesse“, si tratta di questioni che interessano le agenzie come i normali cittadini: la questione non è solo economica, ma riguarda “lo svolgimento dell`attività in regime di monopolio“ e “l`equilibrio contrattuale“, dunque ricade nella competenza esclusiva della giurisdizione amministrativa.

Si ripartirà dunque da zero, o quasi, visto che di recente anche la Corte Costituzionale ha rinviato al Tar una questione simile, riguardante i minimi garantiti delle agenzie ippiche: la Consulta ha stabilito che lo sconto del 5% delle somme dovute dalle agenzie non è legittimo e che si dovrà dunque riavviare una trattativa.

PG/Agipro

www.agipronews.it | agipro@agipro.it


1 2